Uncategorized

Abstract submission for Tavola Esagonale 2020 (under review, ita)

Condivido l’abstract dell’intervento che ho proposto per la Tavola Esagonale 2020 che doveva tenersi il 2 aprile a Modena, ma ora con le varie ordinanze chissà. Ovviamente è una proposta di talk, quindi soggetta al giudizio di una commissione. Se non l’accettano o salta il convegno, farò un video da pubblicare da qualche parte.

Permettetemi, sono molto cinico in questo abstract, ma è importante dare una svolta. Tra persone che non hanno gli strumenti ma sono in buona fede e venditori di fumo in pessima fede, è ora di cambiare registro.

———–

Alan D.A. Mattiassi (talk submission for Tavola Esagonale 2020, under review)

“Nella società moderna ci sono due fenomeni che stanno ledendo la credibilità del gioco. Il primo è lo scetticismo verso la scienza. Il secondo è il facile entusiasmo. La situazione attuale italiana riguardo al gioco è quella di una comunità enormemente attiva ma che non ha credibilità, né autorevolezza, e non ne può guadagnare. Tutti quelli che sono coinvolti nella progettualità che usa il gioco sono pronti a raccontare i benefici che ogni giorno vedono essere ricavati nelle attività di gioco dagli utenti finali. Purtroppo, l’aneddotica non ha alcun valore.
Ci sono molti motivi per i quali l’aneddotica non ha valore, dall’impossibilità di replicare il risultato al cambiare delle condizioni, fino all’impossibilità di paragonare risultati ottenuti in progetti differenti. La fortuna è che abbiamo un sistema per ovviare a tutti questi problemi: la scienza. Il metodo scientifico permette di avvicinarsi sempre di più al momento in cui si può dire “non c’è ragione per sostenere che il mio intervento legato al gioco non sia efficace”, o, semplificando, “il mio intervento è efficace”. Non si tratta di cieca fede ma di metodo.
Dall’altro lato, senza nulla togliere ai meriti di chi si dedica alla divulgazione del gioco pur non avendo strumenti scientifici, il facile entusiasmo porta alla diffusione di pratiche che possono giustamente essere guardate con scetticismo, proprio per la mancanza di valore scientifico. Anche dove lo scetticismo non esiste, ci troviamo come comunità ad essere bugiardi e opportunisti nel sostenere che i nostri interventi sono efficaci, anche se siamo in buona fede. Il rigore scientifico, nuovamente, ci salva da questa situazione.
In questo intervento cercherò di delineare questi problemi e alcune proposte di soluzione, con l’intenzione di aumentare la consapevolezza su quali sono i limiti di onestà intellettuale che abbiamo e dovremmo mantenere se vogliamo guadagnare il rispetto, la credibilità e anche l’autorevolezza per sostenere che il gioco fa bene.”

gamebrainalan

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s